Curiosità

Le origini del gas naturale…in sintesi

Già intorno al 350 a.C. lo storico cinese Chang Qu (常璩) parla in un manoscritto dell’esistenza di un gas utilizzabile per l’illuminazione. Se ne parla come una vaga essenza ariosa.

Pare che fosse stato inventato anche un ingegnoso sistema per estrarlo e per trasportarlo all’interno di una primordiale pipeline fatta di…bambù!

La parola “gas”, infatti, fu coniata solo molto tempo più tardi, dal ricercatore Jean Baptiste Van Helmont dopo il 1600. La parola “gas” è di origine greca e deriva dalla parola chaos (Χαος), da intendersi con il significato di massa informe.

Una delle teorie sull’invenzione della parola “gas” si basa sul fatto che Van Helmont, fu il primo a intuire l’esistenza di diverse sostanze ariose diverse dall’aria. Poiché era fiammingo, la lettura della parola “chaos” pare fosse pronunciata dallo stesso Van Helmont aspirandone la prima consonante e addolcendo la lettera “c”; la pronuncia doveva suonare quindi più o meno così: “gaos”, da cui poi gas.

Ma la vera storia del gas comincia con Alessandro Volta (noto per l’invenzione della pila). Volta scoprì le capacità energetiche del metano mentre si trovava sul lago Maggiore, in vacanza. Decise di avvicinare una fiamma ad alcune bolle che salivano dall’acqua.

L’effetto fu una fiamma celeste: quasi un primo fornello da campeggio…ma a gas naturale!

Menu